Dove sono?
Home > Eventi > Chiuso il Congresso AIPS di Losanna

Chiuso il Congresso AIPS di Losanna

L’ultimo giorno del Congresso della Associazione Stampa Sportiva Internazionale è stato aperto dal saluto del presidente della IFBB (International Federation Body Building) Ernesto Ortiz Gomez ai membri del direttivo AIPS. Successivamente, ha tenuto banco un’aperta discussione su un tema di grande attualità come sport ed immigrazione. Due preziose testimonianze sono state quelle di Samira Asghari (Afghanistan CIO Member) e della ciclista afghana Alizada Masomah. Quest’ultima ha raccontato la sua particolare storia, di come, all’età di cinque anni, sia dovuta scappare dall’Afghanistan a causa della guerra e andare in Iran, dove veniva spesso derisa per le sue origini; poi l’amore e la scoperta per lo sport l’hanno portata a grandi successi.

La mattinata si è conclusa con la presenza di due ospiti illustri: Zvonimir Boban (FIFA Deputy Secretary General) e Massimo Busacca (FIFA Director of Refreeing). L’ex calciatore del Milan ha raccontato il suo interessante ingresso nel mondo del giornalismo e l’affascinante esperienza all’interno della FIFA; un semplice incontro con il presidente FIFA Gianni Infantino è stato decisivo per il suo ingresso nell’ente mondiale del calcio. Boban ha anche sottolineato che l’obiettivo della FIFA è quello di poter creare le condizioni migliori per aiutare le piccole nazioni a realizzare il sogno di partecipare al Mondiale, segno che il movimento calcistico è in continua espansione. 

Il direttore degli arbitri Busacca ha esordito analizzando la positiva esperienza del VAR (Video Assistance Refrees) nel Mondiale di Russia 2018: molti meno errori grazie all’aiuto della tecnologia. L’ex arbitro internazionale ha sottolineato come il Var sia una risorsa importante, ma anche come l’ultima decisione debba essere, sempre e comunque, del direttore di gara. Busacca ha ribadito come la tecnologia contribuisca alla riduzione di errori evidenti.

L’ultima parte del Congresso è stata centralizzata dalla presenza di Thomas Giordano (UEFA Head of Media & PR), il quale si è detto entusiasta per l’imminente inizio degli Europei U21 che si terranno anche a San Marino.

Thomas Giordano ha inoltre ribadito la forte posizione della UEFA contro il razzismo e come ogni forma di discriminazione debba essere pesantemente punita.

Nell’ambito della fase finale del Europei U21 che saranno organizzati da San Marino ed Italia, opereranno gli Young Reporter della AIPS. L’Associazione Sammarinese Stampa Sportiva rientrerà nel progetto per San Marino, in quanto nazione ospitante e si aggiungerà alle Associazioni dei paesi qualificati alla fase finale. 

Il presidente dell’AIPS Gianni Merlo ha chiuso i lavori rinnovando l’appuntamento per il Congresso 2020 che si terrà  a Londra

E’ stato ancora una volta un grandissimo onore, ha dichiarato il presidente Elia Gorini, poter rappresentare l’Associazione Sammarinese Stampa Sportiva in un contesto così prestigioso come quello del Congresso annuale della AIPS, che a Losanna, contava la partecipazione di 97 paesi. San Marino, così come la nostra Associazione, è sempre ben accolto da tutti i colleghi. Anche quella di quest’anno si è confermata un’esperienza importante per i giornalisti sportivi e per la ASSS. I lavori del Congresso sono stati di grande interesse proprio grazie anche al livello dei relatori presenti. Il tema del giornalismo investigativo, così come quello del razzismo nello sport sono stati decisamente tra i più coinvolgenti. Vorrei sottolineare, inoltre, la grande emozione provata quando Thomas Giordano, responsabile del settore media e PR della UEFA, ha ricordato San Marino come paese organizzatore della fase finale degli Europei U21. 

Sul piano della crescita è stato fatto un altro passo insieme ai colleghi giornalisti dei paesi che partecipano ai Giochi dei Piccoli Stati d’Europa. L’idea di collaborare per produrre un manuale tecnico da sottoporre ai Comitati Olimpici ed ai Comitati Organizzatori dei paesi ospitanti dei Giochi, ha accolto subito il nostro favore. 

A conclusione di questo Congresso 2019, vorrei ringraziare anche il nostro Matteo Pascucci, che per la prima volta ha partecipato a un evento di questa importanza, dimostrando grande professionalità e competenza”.

Matteo Pascucci

Lascia un commento

Top